a Villa Serena
una comunità fatta di Persone
Vai ai contenuti

il nucleo alzheimer


Il Nucleo Alzheimer

Il nucleo Alzheimer del 1° piano C è stato aperto, primo in Toscana, nel 1995 e può ospitare 12 persone residenziali e 2 come Centro Diurno, affette da varie forme di demenza; fornisce un’assistenza protesica, specifica e qualificata. Partendo dall’applicazione del modello Gentle Care di Moyra Jones basato sulla persona, sulle sue difficoltà, su deficit provocati dalla malattia, abbiamo ulteriormente sviluppato questi principi e adattati alla nostra realtà, con l’idea di costruire un NUCLEO TERAPEUTICO in grado di gestire anche situazioni di compensazione.

Villa Serena collabora attivamente con i servizi territoriali della ASL per favorire il rientro di ogni persona affetta da Alzheimer al proprio domicilio, con la presa in carico delle varie situazioni e un rapporto continuo con i familiari di condivisione ed educazione.
L’ambiente del nucleo Alzheimer è stato ristrutturato nel 2002 e riadattato in base alle caratteristiche specifiche determinate da queste patologie. Collegato al nucleo è presente uno spazio esterno, il Giardino d’inverno, dove i residenti possono muoversi con sicurezza, che favorisce il loro bisogno di movimento in un ambiente sicuro e con numerosi stimoli. E’ aperto, dal 1998, un apposito giardino Alzheimer, raggiungibile passando dal 1° piano B ed usufruibile principalmente d’estate, con percorsi e camminamenti specifici e numerosi stimoli di natura sensoriale di circa 700 mq. L’ammissione nel nucleo è subordinata alla valutazione ed all’autorizzazione dei servizi preposti dell’ASL n°11.

Il nucleo è riservato ad anziani affetti da una forma di demenza nella fase in cui prevalgono i disturbi comportamentali non gestibili a domicilio o in altro nucleo. L’ASL n°11 effettua periodici controlli per valutare la situazione di ogni residente nel nucleo. Quando non sussistono più le condizioni per la gestione del soggetto all’interno del nucleo il servizio di geriatria dell’ASL può deciderne il trasferimento ad altri nuclei. Dal 2013 è stato aperto come nucleo specifico per disturbi comportamentali anche il 1° piano B, in base anche a ulteriori posti convenzionati con l’ASL. Questo nucleo di 12 posti può essere unito al terrazzo terapeutico presente e in tal modo collegabile al 1° piano C ed integrabile con la gestione di questo nucleo. Il nucleo è completamente ristrutturato con i bagni in ogni camera, l’aria condizionata ed altri accorgimenti tecnici. Lo spazio del 1° piano B è adattato alle esigenze degli anziani affetti dal morbo di Alzheimer, con un ampio salone e salette per la zona giorno. In tale piano è stata data grande importanza all’apertura dello spazio, alla luminosità, alla possibilità di movimento. La presenza di 2 nuclei Alzheimer, fra loro collegati, permette di gestire al meglio le situazioni comportamentali difficili che si possano creare, con interscambi in base alle esigenze e alle risorse del momento

Dal 1995 è iniziata una sperimentazione per i malati di alzheimer, che ha portato nel 2002 all’apertura di un nucleo dedicato, diventato un punto di studio e di riferimento molto importante per operatori e politici del settore, anche a livello nazionale. Sempre per i malati d’alzheimer sono stati attivati: un apposito giardino del 1998 ed un terrazzo terapeutico nel 2004.

Torna ai contenuti